Uso dei locali previa richiesta dei rappresentanti di classe o di istituto per assemblee.

 

 

Incontri con i docenti:

 

  • Scuola primaria: ricevimento bimestrale pomeridiano.
  • Scuola secondaria: ricevimento bimestrale pomeridiano; i docenti riceveranno inoltre i genitori in orario antimeridiano nell’ora di ricevimento settimanale secondo i calendario affisso all’albo della scuola.

 

 

Ufficio di segreteria:

 

Per venire incontro alle esigenze degli utenti, l’orario di ricevimento del pubblico è così articolato:

  • Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle ore 11,30 alle ore 13,30.
  • Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle ore 15,30 alle ore 17,30.

Dal lunedì al venerdì è operativo dalle ore 8,15 alle ore 9,00 un apposito sportello di ricevimento per i genitori.

 

 L’attività di gestione e di amministrazione rispetta i principi di:

 

 

  • Semplificazione, trasparenza e buon andamento, uniformandosi ai criteri di efficienza, efficacia ed economicità;

 

  • Il rilascio di certificati è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria entro tre giorni lavorativi per quelli d’iscrizione e frequenza, entro cinque giorni per quelli con votazioni e/o giudizi;

 

  • Il rilascio dei certificati di servizio è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria entro cinque giorni lavorativi.

 

 

L’ufficio di Dirigenza riceve per appuntamento il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 11,30 alle 13,00.

Il presente Piano è oggetto di osservazione e verifica, in itinere e alla fine dell’anno scolastico, al fine di individuarne i punti di forza e di criticità e apportare le eventuali modifiche o integrazioni.

SOGGETTI CHE CONCORRONO ALLA VERIFICA DEL P.O.F.

Componente docente:

-     tutti i docenti negli ambiti di programmazione e valutazione degli apprendimenti e nei momenti principali della programmazione e della valutazione collegiale (interclassi, incontri per ambiti disciplinari e Collegio dei Docenti );

-     i docenti che hanno il compito di monitorare il grado di soddisfazione di determinati aspetti costitutivi del POF mediante: elaborazione e somministrazione di strumenti di indagine, tabulazione e diffusione dei risultati, definizione delle criticità, formulazione di ipotesi di cambiamento rivolte a migliorare l’efficienza e l’efficacia delle diverse componenti l’ambito scolastico.

Componente genitori:

-     negli Organi Collegiali secondo le competenze attribuite dalla normativa in vigore.

 

 

 

La valutazione regola i processi di insegnamento-apprendimento in rapporto alle diversità individuali e alla promozione di tutte le opportunità educative; consta di tre momenti:

  • Iniziale o Diagnostica. Serve a individuare, attraverso la somministrazione di prove d’ingresso, il livello di partenza degli alunni e ad accertare il possesso del prerequisiti.
  • In Itinere o Formativa E’ finalizzata a cogliere informazione analitiche e continue sul processo di apprendimento. Favorisce l’autovalutazione degli studenti e fornisce ai docenti informazioni per attivare eventuali correttivi all’azione didattica; non è pertanto selettiva in senso negativo, ma in senso positivo e compensativo.
  • Finale o Sommativa ( per accertare il conseguimento delle competenze alla fine del percorso formativo, assolve la funzione di bilancio consuntivo riferito a tutti gli ambiti disciplinari dell’attività scolastica e degli apprendimenti che essa ha promosso nell’allievo).

 

 

La correlazione funzionale tra le attività di verifica e di  valutazione consentirà i dovuti adattamenti in situazione e permetterà eventuali modifiche e retroazioni durante tutto il corso dei vari interventi formativi.

Nella valutazione di ciascun alunno si terrà conto di due aspetti dello sviluppo complessivo della persona:

  • l’apprendimento;
  • il comportamento.

 

 

 

 

 

Al fine di giungere ad un giudizio valutativo il più possibile oggettivo e aderente al reale livello raggiunto dall’alunno, i voti saranno espressione docimologica dei seguenti giudizi:

 

Voto di apprendimento

v  Voto “1-2-3”(corrisponde ad un giudizio gravemente insufficiente), indica  un atteggiamento di rifiuto nei confronti delle proposte e attività disciplinari e/o il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi previsti, aggravato da carenze pregresse e accentuatesi nel tempo. Indica, inoltre, l’incapacità di orientarsi nei concetti fondamentali della disciplina, di organizzare un discorso e di riferirlo.

v  Voto “4”(corrisponde  ad un giudizio nettamente insufficiente), indica il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi previsti, con carenze diffuse nelle conoscenze essenziali e nelle abilità di base, nonché scarso impegno e partecipazione.

v  Voto “5”(corrisponde  ad un giudizio insufficiente), indica il raggiungimento solo parziale degli obiettivi minimi previsti, con conoscenze e abilità di base essenziali, difficoltà espositive e impegno saltuario.

v  Voto “6”( corrisponde  ad un giudizio sufficiente), indica il raggiungimento essenziale degli obiettivi previsti, con semplici conoscenze ed essenziali abilità di base, unite ad un impegno e ad una partecipazione superficiale.

v  Voto “7”( corrisponde  ad un giudizio discreto), indica un discreto raggiungimento degli obiettivi previsti, con una conoscenza dei contenuti fondamentali, unita ad una autonomia operativa e ad una adeguata riflessione ed analisi personale.

v  Voto “8”(corrisponde ad un giudizio buono) ,indica un buon raggiungimento degli obiettivi previsti, una preparazione completa, unita a capacità di riflessione ed analisi personale, sicuro possesso di strumenti argomentativi ed espressivi, accompagnato da autonomia operativa e costante impegno.

v  Voto “9”( corrisponde ad un giudizio distinto) , indica un distinto raggiungimento degli obiettivi previsti, una preparazione completa ed approfondita, unita ad una buona rielaborazione ed argomentazione dei contenuti esposti, la capacità di compiere organici collegamenti interdisciplinari e di comunicare in modo disinvolto e corretto, nonché una sicura autonomia operativa ed un costante impegno.

v  Voto “10”(corrisponde ad un giudizio ottimo), indica l’ottimo raggiungimento degli obiettivi previsti, una rielaborazione autonoma dei contenuti studiati, anche in prospettiva interdisciplinare, unita alla capacità di approfondimento critico delle tematiche proposte ed alla piena padronanza dei linguaggi e degli strumenti argomentativi, oltre ad una autonomi a operativa ed un impegno costante completo e costruttivo.

 

 

 

FASCE  DI  LIVELLO

1° livello (voto 9-10)

2° livello (voto 7-8)

3° livello (voto 5-6)

4° livello (voto 1-2-3-4)

 

 

 

Voto di Condotta

Il decreto legge 137, convertito il 29 ottobre 2008 in legge, introduce il voto in condotta come elemento che “concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all’esame conclusivo del ciclo”(art.2).

 

Lo studente dimostra:

v  Voto “5 e meno di 5” :  comportamenti che manifestano un rifiuto sistematico delle regole dell’istituto, atteggiamenti ed azioni che manifestano grave (o totale) mancanza di rispetto nei confronti dei compagni, degli insegnanti e di altre figure operanti nella scuola; assenza di impegno e di consapevolezza del proprio dovere.  Di tali comportamenti è stata informata la famiglia ed il consiglio di classe.

v  Voto “6”: un comportamento irrispettoso delle regole dell’istituto, dei compagni, degli insegnanti e delle altre figure che operano nella scuola; inadeguatezza nello svolgere il proprio dovere e mancanza di impegno. Tali comportamenti sono stati annotati sul  registro e riferiti ai genitori e al consiglio di classe.

v  Voto “7” : un comportamento poco rispettoso delle regole dell’istituto e poco corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola (ad esempio: ripetuti ritardi non sempre motivati, distrazioni che comportano frequenti richiami durante le lezioni, episodi segnalati con note sul registro); incostanza nell’impegno e poca consapevolezza del proprio dovere.

v  Voto “8” : un comportamento non sempre rispettoso delle regole dell’istituto e non sempre corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola; un impegno non sempre costante ed una  non sempre precisa consapevolezza del proprio dovere (ad esempio distrazioni che comportano frequenti richiami durante le lezioni).

v  Voto “9” : un comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell’istituto; consapevolezza del proprio dovere e continuità nell’impegno.

v  Voto “10” :  un comportamento partecipe e costruttivo all’interno della classe , non limitato ad una sola correttezza formale; comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell’istituto; consapevolezza del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell’impegno.

I progetti d'Istituto per il triennio 2019-2022 si trovano nella sezione P.T.O.F.

 

La progettazione d’Istituto accoglie le richieste provenienti dagli alunni e dalle loro famiglie.

In fase di progettazione i docenti mettono in campo tutte le risorse e le competenze in loro possesso, per rendere sempre più armonico il percorso formativo di ogni alunno e per dare all’istituzione scolastica una forte caratterizzazione nel territorio.

Sono stati previsti progetti che coinvolgono più settori dell’Istituto e progetti specifici per una particolare fascia d’età. 

Progetti d’Istituto

“Progetto continuità”

 

Il progetto è rivolto agli alunni delle classi in uscita di ogni ciclo ed a quelli delle classi iniziali del ciclo successivo, nell’ottica della continuità verticale.

Ha la finalità di rendere sereno e consapevole il passaggio da un ordine all’altro di scuola: le attività previste permetteranno infatti agli alunni di familiarizzare con gli spazi e il personale dell’ordine successivo.

 

 

 

Progetto “Noi bambini speciali” Non abbiamo bisogno di parole

Il progetto nasce con l’intenzione di promuovere un modo alternativo all’insegnamento tradizionale, dando la possibilità a tutti gli alunni diversamente abili, di socializzare, di comunicare, di interagire, di imparare.

 

 

Progetto “ Studiare la matematica divertendosi”

“Campionati Internazionali di Giochi Matematici”

Il progetto, che potenzia le capacità logico-matematiche e prepara gli alunni  ai Giochi matematici d’autunno e ai  Campionati Internazionali di Giochi Matematici, è rivolto sia agli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria, sia agli alunni della scuola secondaria di 1° grado.

Verrà attuato nel mese di Novembre 2013 nelle ore curricolari e nei mesi di Febbraio e Marzo 2014 nelle ore extracurricolari.

            

Progetto “ Trinity”

Con questo progetto intendiamo preparare gli alunni a sviluppare competenze comunicative di ricezione e produzione orale in lingua inglese atte a sostenere gli esami del  Trinity College di Londra, ente certificatore internazionale fondato nel 1872 che rilascia certificati di competenza linguistica audio-orale per studenti; l’esame,  che è suddiviso in fasce di livello relative all’età di riferimento e alla progressione del percorso di studi, consiste in una conversazione con un esaminatore qualificato proveniente dal Regno Unito.

 I destinatari del progetto saranno gli alunni delle classi IV e V di Scuola Primaria e I, II e III di Scuola Secondaria di Primo Grado che saranno suddivisi in 5 gruppi di livello omogeneo di competenze

Sono previste lezioni di due ore settimanali dal mese di Gennaio al mese di Maggio.

Progetto “Olimpiadi di grammatica italiana”

 

 

Il progetto intende avviare una competizione tra gli Istituti Comprensivi del Comune di Floridia , Solarino, Cassibile e Canicattini.

E’ destinato alle eccellenze delle classi ponte della scuola dell’infanzia, della primaria e della Secondaria di primo grado.

Il progetto prevede 2 fasi:

- Fase d’ istituto: per la selezione di quattro finalisti per ogni categoria;

- Fase conclusiva: Gara finale tra gli alunni selezionati all’interno dei vari Istituti dalla quale emergeranno i quattro finalisti.

 

 

Progetto“Il Risorgimento italiano e l’opera verdiana”

 

La realizzazione del progetto, non a caso scelto nel bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, ha il duplice scopo di portare ad una più approfondita conoscenza della formazione della Repubblica italiana e quanto la musica e il melodramma di quel periodo abbiano inciso sulla storia risorgimentale.

 

Il progetto si caratterizza per la sua multidisciplinarità, poiché offre la possibilità di operare su più obiettivi di diverse discipline.

Il progetto si svolgerà nel periodo Novembre – Giugno 2014.

 

 

 

Progetti specifici  per ordine di scuola:

                                                                                                                              

 

SCUOLA DELL’INFANZIA.

 

PROGETTI CURRICULARI:

      Accoglienza

      Feste: Natale, Carnevale, Pasqua,

Gli obiettivi di apprendimento saranno concretizzati trasversalmente ai cinque campi di esperienza e per livello di età (3 – 4 – 5 )

 

Ampliamento dell’offerta formativa

      Continuità

      Salute

      Uscite didattiche

      Esperienza a teatri, musei, biblioteca

      E-twinning

 

Laboratori

      Teatro

      Danza

      Informatica

      Lettura

      Inglese

      Eventuali proposte interessanti che scaturiranno durante l’anno scolastico.

I sopra elencati laboratori non prevedono percorsi specifici ma rientrano nell’attività  didattica giornaliera e rappresentano un approfondimento o arricchimento delle proposte programmate. Per i bambini frequentanti l’ultimo anno è previsto un percorso più specifico preparatorio alla scuola primaria.

 

Progetto “Il giro del cielo”.             

Il progetto, di durata biennale, ha lo scopo principale di unire i vari linguaggi espressivi ( pittura, arte plastica, movimento, danza, poesia) al fine di contribuire alla complessa formazione della persona, alla sua socializzazione, allo sviluppo delle capacitò intellettive e creative.

E’ rivolto a tutti i bambini della scuola dell’infanzia (plesso Fava, Giusti, Marchesa e Pirandello)  ed ha  durata annuale.

I principali traguardi formativi sono:

  • Favorire nell’alunno la capacità di conoscere se stesso e le proprie capacità;
  • Incoraggiarlo a una corretta autostima e fiducia in se stesso;
  • Promuovere l’acquisizione di una propria modalità comunicativa ed una capacità di ascolto dei messaggi.

SCUOLA PRIMARIA

 

 

v Progetto “Una scuola per tutti: recupero/potenziamento”

 

Il progetto è rivolto agli alunni in difficoltà di apprendimento di tutte le classi e  ha la finalità di promuovere la conquista di una progressiva autostima, valorizzando le potenzialità di ciascuno.

Verrà attuato nel periodo Gennaio – Aprile 2014                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

v Progetto “Il francese nella primaria”

Il progetto vuole proporre l'approccio ad una seconda lingua straniera l’ultimo anno di scuola primaria favorendo così il potenziamento delle capacità individuali di comunicazione e organizzazione delle conoscenze, nell' ottica di una continuità trasversale stabilita nel P.O.F.

L'apprendimento di una seconda lingua permetterà all'alunno di avvicinarsi alla comprensione di culture diverse e di avviare la capacità di confronto e di interazione in una comunità sempre più composita.

 

                                                              

 

 PROGETTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO             

 


v Progetti:

1)  “Recupero e potenziamento Materie Letterarie”

2)  “Recupero di matematica”

L'attività del recupero risponde alla finalità della prevenzione al disagio e vuole offrire risposte ai bisogni differenziati degli alunni, per garantire loro pari opportunità formative, nel rispetto dei tempi e delle modalità diverse di apprendimento.

Obiettivo è l'acquisizione di un metodo di studio, insieme al recupero e al rafforzamento delle abilità linguistiche e logiche, con un percorso didattico diversificato, individualizzato e attuato con apposite strategie.

 

 

 

 

Progetto “Latino e greco alla scuola media”

 

Il progetto è destinato agli alunni delle terze classi e avrà durata annuale. Finalità del progetto è quella di favorire un approccio ragionato alla riflessione linguistica e contemporaneamente di stimolare un interesse per le lingue classiche propedeutico all’orientamento per la scelta del successivo grado di istruzione.

Progetto “Un libro per la testa”

Il progetto mira a sviluppare, anche attraverso attività ludiche, la passione per la lettura, la capacità di analisi e critica del testo coniugando a queste abilità gli obiettivi legati alla socializzazione, al lavoro in team e al confronto con altri coetanei.

 

v Progetto “ ECDL”    

Il progetto vuol dare la possibilità agli alunni di potenziare le conoscenze informatiche e di conseguire la “Patente europea del computer” ( ECDL)-

 

v Progetto “Crescere in musica”

Il progetto si prefigge la realizzazione di un percorso specifico ed articolato, che permetta agli alunni un progressivo inserimento-integrazione nell’ambiente scolastico.

 

 

v Progetto “Legalità è bellezza”

 

Il progetto nasce dalla disponibilità di molti genitori a spendere il loro tempo per migliorare la qualità degli ambienti scolastici in cui i loro figli trascorrono parte della giornata. Con questo progetto la scuola vuole sostenere l’idea che la cooperazione delle famiglie come partner della scuola costituisce un fattore determinante per il successo formativo degli alunni; crea un forte senso di appartenenza e spinge verso comportamenti più rispettosi della cosa pubblica.

 

 

 

 

 

 

PROGETTI FINANZIATI DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

 

 

 

MIGLIORAMENTO DELLE INFRASTRUTTURE TECNOLOGICHE

 

FSE  A1-2012   BANDO 10621 del 5/7/2012

 

FESR  CODICE 1263

 

FESR  CODICE 1279

 

 

 

 

PROGETTI CON ENTI E/O ASSOCIAZIONI ESTERNE

 

 

v Progetto “ Musica e scuola ”                                                                                         

Il progetto è destinato agli allievi della scuola primaria.     

L’interesse alla musica va formato sin dai primi anni di scuola attraverso dei percorsi educativi che siano attenti all’interesse e alle motivazioni dei bambini e che costituiscano un’alternativa valida alla tradizione.

Le finalità di un’educazione al suono e alla musica nella scuola primaria è quella di migliorare le diverse capacità percettive, produttive ed interpretative per formare individui capaci di comprendere il mondo sonoro in cui sono immersi.

 

v Progetto “ Cassandra

Il progetto, svolto in collaborazione con l’associazione “Cassandra” si prefigge, dopo aver effettuato screening collettivi nelle classi III della scuola primaria e nelle classi I della scuola secondaria di 1° grado,  di individuare gli eventuali casi di DSA  per agevolare l’attuazione di strategie volte a garantire un proficuo percorso scolastico.

 

 

v Progetto Ippoterapia “in sella per curarsi”

La riabilitazione equestre è un metodo terapeutico globale che attraverso l'attività ludico-sportiva e l'interazione uomo-animale, attiva l'individuo nel suo intero complesso motorio, pscichico,intellettivo e sociale.

È un metodo attivo più di ogni altro perché riesce ad ottenere la partecipazione del paziente al processo riabilitativo e vede nella persona non una entità da assistere e curare, ma un soggetto da recuperare nelle sue potenzialità. Il cavallo è una presenza viva, concreta, affettuosa, in grado di sollecitare sentimenti ed emozioni.

 

 

 

 

v Progetto interdisciplinare formativo“ Still Life”

Il progetto propone l’approccio alla didattica dell’arte attraverso la creazione di spazi educativi realizzato nella logica del sistema formativo integrato ( laboratori).

Il metodo laboratoriale, infatti, offre una grande possibilità di conoscenza ed espressione di sé(pittura) e di confronto con l’altro( recitazione, cinema) poiché in tale contesto si sceglie di lavorare in gruppo, dove ci si sforza di considerare altri punti di vista. Destinatari del progetto sono gli alunni della scuola dell’infanzia – della scuola primaria e secondaria di I grado.

 

v Corso di tiro con l’arco

 

Il corso, rivolto agli alunni delle classi di scuola secondaria di I grado,  si propone di realizzare una preparazione di base alla pratica sportiva del tiro con l’arco. Lo scopo finale del progetto è di istruire e selezionare gli studenti più dotati e meritevoli per rappresentare la scuola nelle varie fasi invernali e/o estive dei prossimi Giochi sportivi studenteschi.

 

 

 

Nell’ambito dei Consigli di Sezione, Interclasse e Classe saranno discusse e definite in maniera specifica le mete per le visite d’istruzione che potranno effettuarsi come segue:

 

  • Gli alunni della Scuola dell’Infanzia potranno spostarsi all’interno delle province di Catania, Siracusa e Ragusa, solo se accompagnati da un adulto
  • Gli alunni delle classi prime, seconde e terze della Scuola Primaria potranno effettuare visite guidate della durata di un giorno senza pernottamento all’interno della regione
  • Gli alunni delle classi quarte e quinte della Scuola Primaria e delle classi prime della Scuola Secondaria di Primo Grado potranno effettuare viaggi all’interno della Sicilia e della Calabria per la durata massima di due giorni
  • Gli studenti delle classi seconde e terze della Scuola Secondaria di Primo Grado potranno effettuare viaggi d’istruzione in Italia e all’estero per la durata massima di sei giorni compreso il viaggio.

Anche per quest’anno scolastico, così come è ormai consuetudine da diversi anni, gli alunni delle classi seconde e terze della Scuola Secondaria di Primo Grado saranno accompagnati ad assistere a delle rappresentazioni teatrali in lingua straniera (Inglese e Francese), che daranno loro l’opportunità di vivere un’esperienza coinvolgente e autentica di contatto con la lingua straniera.

La metodologia utilizzata dalla Scuola dell’infanzia, si ispira ai seguenti principi:

  • la valorizzazione del gioco;
  • l’esplorazione e la ricerca;
  • la vita di relazione.

Il gioco, valorizzato in tutti i campi d’esperienza, è strumento indispensabile per l’attivazione del processo di apprendimento e socio-affettivo.

Le esperienze che la scuola propone dovranno basarsi sulla naturale curiosità del bambino, sulla sua naturale inclinazione all’esplorazione e alla ricerca.

La relazionalità è infine valorizzata nel rapporto tra il bambino e la sua realtà e “sperimentata” nelle diverse attività che lo invitano a scambiare con gli altri le sue conoscenze, le sue emozioni, le sue idee, in forma di interazione comunicativa nella quale vengono progressivamente acquisite capacità di simbolizzazione, espressione, comunicazione e socializzazione.

 

 

Le sezioni della Scuoladell’Infanzia funzionano a tempo pieno (8 ore) da lunedì a venerdì, dalle ore 8.15 alle ore 16.15. Le insegnanti si alternano settimanalmente con turni antimeridiani e pomeridiani attuando una contemporaneità di due ore , dalle 11.15 alle 13.15.

 

I docenti della Scuola Primaria e Secondaria di 1° grado organizzeranno le attività in unità didattiche anche di tipo interdisciplinare, con applicazione di percorsi “ dal semplice al complesso”, “dal concreto all’astratto”; offriranno occasioni di dialogo e di discussione, di potenziamento sia del lavoro individuale che di gruppo, utilizzando spiegazioni verbali e strumenti multimediali e diversi tipi di metodologia:

 

  • euristica
  • scientifica
  • laboratoriale
  • problem solving
  • cooperative learning

 

  • Il modello orario della Scuola Primaria è il seguente:

Classi prime e seconde sezioni A – B - C

27 ore settimanali su 5 giorni: 2 giorni dalle 8.00 alle 14.00  e 3 giorni dalle ore 8.00 alle 13.00.

Classi seconde sezioni D – E  , terze, quarte e quinte

30 ore settimanali (27 + 3 ore opzionali – approfondimento linguistico-espressivo - approfondimento antropologico – approfondimento informatico) su 5 giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 14,00.

 

  • Il modello orario della Scuola   secondaria di 1° grado è il seguente:

30 ore settimanali in orario antimeridiano su 5 giorni settimanali dal lunedi’ al venerdì dalle ore 8.05 alle ore 14.05 .

Indirizzo musicale: le lezioni dello strumento musicale (pianoforte – chitarra- clarinetto -  violino)  si svolgono in orario pomeridiano.